ALL’ORLO DEI PENSIERI GLI ALBERI CRESCONO CAPOVOLTI

il primo inventore della ruota e la prima traccia nella neve
come un calligrafo di dio che riempia il suo tascapane di stelle

un cerchio disegnato col carbone per i piedi di dioniso
mentre il tuo calcagno nella mia bocca m’imbavaglia spingendomi il fiato

se non ti troverò con la tua bocca stivata di ciliegie
non potremo andare dietro la luna a toccarci i sessi

i nodi fatti con le rose nella camera del sonno
apparecchiano i gesti nella curva dei pensieri

non ti conosco ancora ma ti aspetto sull’albero dei baci
e ti luciderò le ali che non puoi vedere nella schiena

e rincasando con l’alba mi porterò il tuo volto nel letto
per annodarlo con le rose

mi piace inventarti l’amore come fosse la tua prima ruota nella neve
e farti la tua lunga chioma colore della notte a coda alta di cometa

André Che Isse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...