ALBERI DA OCCHI

raccolgo poiesi dalla spuma di pensiero come cedri di luna
sono alberi da sguardi infiniti nati dall’iride del tuo guardarmi come il mare

dentro ali di neve nel vallo delle tue scapole
affogo le nari nella tua nuca d’albume

cammino senza conoscere i sassi ma sul palmo pesano il tempo
come pelle di nubi che veste i tuoi sorrisi increati

dove la bocca approda ai baci barrisce il fiato
e su carta scrivo come dipingi il calice di gote per la curva di un fiore

se togli alle parole il giorno rimangono i ginocchi scalzi di eterno
quelli che danzo per te quelli che si sbucciano per essere curati

conoscerti prima del mondo e inventarti il profumo della notte
per salire insieme sui cedri

André Che Isse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...