NUDO D’ETERNO

palmi girati nella pioggia come girasoli di van gogh
come calligrafi alberati di stelle

non amo i fiori quanto dormirci dentro
perché nella segreta di sepali dimoro

ci sono due modi di vivere il fiato
vestito di brevità tra i giorni o nudo d’eterno

potrete parlare a lungo del mondo smemorando le dita sulla luna
ma non riuscirete a conoscerlo come la vostra curva di gomito

quando dioniso danza nella pioggia io sono gli spazi asciutti tra le gocce
il disegno ebbro non bagnato di tempo

non ho mai pensato se non ciò che non si poteva pensare
forse perché sulla tela bianca tutto è ancora inverabile

André Che Isse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...