NUDO D’ETERNO

palmi girati nella pioggia come girasoli di van gogh
come calligrafi alberati di stelle

non amo i fiori quanto dormirci dentro
perché nella segreta di sepali dimoro

ci sono due modi di vivere il fiato
vestito di brevità tra i giorni o nudo d’eterno

potrete parlare a lungo del mondo smemorando le dita sulla luna
ma non riuscirete a conoscerlo come la vostra curva di gomito

quando dioniso danza nella pioggia io sono gli spazi asciutti tra le gocce
il disegno ebbro non bagnato di tempo

non ho mai pensato se non ciò che non si poteva pensare
forse perché sulla tela bianca tutto è ancora inverabile

André Che Isse

SOGLIO ETERNARMI DURANTE IL GIORNO

se ti dicessero che puoi vivere per sempre
il primo giorno faresti colazione su 12 lune

entreresti nel mattino scalzo come nascita di stella
e coi palmi in bocca li riempiresti d’eterno

se mi dicessero che vivrò per sempre
correrei al parco a veder parlare le nubi

ma il giorno può essere infinito anche di fronte al nulla
basta infilare i gomiti nelle pieghe molecolari e morderne i ginocchi

e se mi infilo il fiato fino ai talloni posso tornare con l’universo in bocca
come soglio quotidianamente eternarmi

mi infilerò in una goccia di neve come in un cavallo di Troia
per sedermi dove le nubi pensano di baciare le mele in bocca

André Che Isse