LA GILDA DI DIONISO PER 4 DANZATORI SCALZI DEGLI DEI

André Che Isse

LA GILDA DI DIONISO PER 4 DANZATORI SCALZI DEGLI DEI:

1° I danzatori di gru degli dèi: I.

2° I danzatori di gru degli dèi: III.

3° I danzatori gimnosofisti degli dèi: I.

4° Il tuffatore degli dèi Rèm Se II.

210 x 266 cm

(210 x 66,5 ciascheduno)

tempera da muro,ruggine,vernice lucida finale,corda cucita su misto cotone

2006, 2009, 2014, 2015, 2018, e settembre 2021

(collezione Che Isse)

*

LE MACHINE EUDEMONICHE: 8^

André Che Isse

LE MACHINE EUDEMONICHE:

8^.

“Le persiane di dioniso sui fiori scalzi”

La Curva Ebra dell’Haiku,

_studio 40°: 35° fiore d’erbario;

_studio 41°: 36° fiore d’erbario;

_studio 42°: 37° fiore d’erbario;

258 x 75 cm

tempera nera da muro e acrilico su carta velina,nastro carta,vernice lucida finale,matita nera,

blu cielo da vetro su misto cotone

agosto 2021

OPERA RETROILLUMINATA

*

*

*

*

STESSA OPERA FRONTALMENTE ILLUMINATA

*

CAPOGIRO SCIENTE D’IMMENSO

posso curvare il fiato leggiadro delle lune in filidarianna

e come funambulo inverso prima il tallone poi mille dita scalze

con quella grazia che inventò per prime madonne rinascimentali in broccato

*

sempre da qualche parte piove come mille pavane elisabettiane per viole

sempre da qualche parte un drago d’albume garrisce muto su nubi barocche

lo capiremmo coi ginocchi nelle fragole e il guardo d’argento

*

capogiro sciente d’immenso!

ne perambulo un atomo soltanto e già sono bizantino gaudioso

del resto in fondo all’infinito nasce l’idea eternale, ne porto sempre una in tasca

*

così allungai i bracci nel sole non per averlo ma per sapere come van gogh lo divorasse nel giallo

solo all’omo coll’ali sarà rivelato l’elisio in un atomo

datemi mille vite e ancora non bastevoli a esondarne il foco tutto che in un attimo io sia già eternale

*

André Che Isse

INCRESPATURA D’INFINITO

immoto nel cuore del sole

se ne distendo il braccio d’arciere <<tana!>> nel mondo

così m’avvolgo in crespatura d’infinito

*

l’oro del sole sulle gote è sapiente di almeno 30.000 anni

se questo non è già bastevole per vivere stupefatti !?

e così raccolsi il sorriso di una rosa proprio dove il sole l’aveva nutrito

*

dall’alma ai diti nel miele un filodarianna d’ipseità inaurata

un solo segmento eudemonico

mentre m’infilo tra le pieghe della tua gonna blu

*

appetii di Essere!

e subitamente m’inventai l’ali per annodare chioma al cielo

la prima ruota gaudiosa per l’infinito ebro

*

André Che Isse