INVERATI DALLA BELLEZZA DEL GENIALE

ho sognato un giglio che profumava la neve prima di cadere
e l’aria tra i fiocchi girava impazzita d’amore
come un cuore grande più delle case più grande della luna
un cuore che si potesse tenere tra le labbra

immagina ora mani impazzite d’ebbrezza nel sorriso di leonardo
un danzatore di dioniso nella curva apollinea di un’idea
la scaturigine nietzschiana sul filodarianna ulisside
la tua bocca dischiusa che attende l’unico bacio che salverà l’eterno

ecco quando di fronte alla vita la vorresti possedere come l’amante perfetta
e ti ci ritrovi penetrato appieno nel suo sesso d’aria
allora non servono dèi ma solo ginocchi da mettersi in bocca
da masticare la luna nel latte e gonfiare la pancia per sentire la curva del mondo

André Che Isse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...