TESORIERE DI MULTIVERSO EBBRO

odo i palmi aggallarmi in essere come mille ali gemmate di fuoco
per raccogliere dorsi di stelle da alberi rubino increati

i giorni dell’universo si praticano in metri da sarta per curvare il pensiero
così che misurando la pelle delle nubi io possa vestirmi d’idee arcate

per sempre ulisside arciere che muove i talloni di fiori come strali di poiesi
per sempre il fiato perpendicolare al filodarianna intessuto sul proprio dna

e mi piace togliere il narrabile per danzare scalzo l’eclittica sull’ipotenusa aurorale
quando il gesto divenne scriba per raccontarne il mondo

io conosco lo stame di luccicanza stuporoso che taglia la molecola del sole
ostensorio di tutte le trame ebbre possibili

ma poi rimango in giardino scettrato di meriggio estivo
ascoltando le risa diafane di luna tralucermi silenti d’eterno

André Che Isse

QUADRIVIO DI ETERNI A MATITA

se penso sorgo imperioso
e m’esonda lo sguardo di stupore prometeico

sono traccia per stelle pensanti
filodarianna ulisside su ginocchi icari

quadrivio di eterni a matita per millanta ponti d’arciere
stanze per delfini ebbri

ecco dove il sapere si beve in tazza raku all’alba di dioniso
non staccando dal foglio il carbone che disegna il mondo

io voglio edificare dietro l’angolo dell’universo la camera dei meli
dove salire scalzo la luna

divorare ciambelle di spuma come nubi materiate d’albume
e perdermi sull’unica strada di fiato con la matita in mano

André Che Isse

INVERATI DALLA BELLEZZA DEL GENIALE

ho sognato un giglio che profumava la neve prima di cadere
e l’aria tra i fiocchi girava impazzita d’amore
come un cuore grande più delle case più grande della luna
un cuore che si potesse tenere tra le labbra

immagina ora mani impazzite d’ebbrezza nel sorriso di leonardo
un danzatore di dioniso nella curva apollinea di un’idea
la scaturigine nietzschiana sul filodarianna ulisside
la tua bocca dischiusa che attende l’unico bacio che salverà l’eterno

ecco quando di fronte alla vita la vorresti possedere come l’amante perfetta
e ti ci ritrovi penetrato appieno nel suo sesso d’aria
allora non servono dèi ma solo ginocchi da mettersi in bocca
da masticare la luna nel latte e gonfiare la pancia per sentire la curva del mondo

André Che Isse