BASTEVOLE EDENICO

mi vesto scalzo di silenzio dorato
così che la curva dei meriggi mi eiaculi addosso le risa di fuoco

non fossi che soltanto una parte di eterno
eccomi chioma di filidarianna scienti al proscenio aurorale

una compostiera di molecole nero notte sulla dorsale ebbra
una capriola di dio

e solo d’incanto io lucido gli argenti parecchiati diurni
sull’imbandigione emozionale del guardo

sulla coltura d’architravi di neve dove m’allindo scettrato di nubi
oh quanto amo l’odore d’essere! ci guazzo nudo la vita!

eccomi allora tesoriere di pensiero nocchiere allunato
proprio mentre danzo la cardatura del sole

André Che Isse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...