APPOGGIATO DI NOTTE

m’infilo nel nero
come iride di stella che guardi dietro l’universo

ma c’è d’allunarsi la bocca dischiusa nel sesso
affogata di stupore novello

allora eccomi piviale dorato nello studio di klimt
coi bracci perduti nel muto di china ombrosa

e scaglie di piacere eiaculate da cuore vespertino
su millanta pareti d’aria curva

i bottoni nel dorso ignudo come sassi di fuoco piatto
cupidi quanto gugliate di sole

ed io m’infilo le maniche della notte come un orgasmo
a cui l’albume dei ciliegi stia fiorendo addosso

André Che Isse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...