BERE LE NUBI

che cosa siamo se non dèi
imperatori a colazione sull’erba
timonieri di foglie

possiamo raccontarci alberi
collezionare istanti
e ubriacarci di nubi

prima di morire c’è l’eterno
per capire almeno l’increspatura del sole
e contare i rami carichi di mele

ho fatto una torta con l’orlo del pensiero
ne ho affondato il volto sporcandomi d’ebbrezza
così aspetterò la prima pioggia per levigarmi le gote

André Che Isse