OTIUM IN ESSERCI

ho inseguito la luna pedalando lentamente, lentamente

non so ancora perché ne sia follemente innamorato

ma del resto l’amore ha la stessa fragranza dell’Essere

*

e quando la lunghezza del fiato ha la stessa misura dell’Essere

prima che l’ala curvi l’aere l’idea nel pensiero ha già trovato se stessa

*

allora equilibro i bracci sul filodarianna dell’Esserci

e posso tracannare l’elisio a garganella nel noumeno immoto

*

ecco perché m’infilo nell’attimo come una camicia eternale al meriggio

e stivo atomi come biglie in tasca per auscultarmi incioccare ebra ipseità

*

se l’attimo è la coscienza dell’orto intestino

ogni gesto sarà la misura dell’Essere nell’eterno ritorno eudemonico

che da ora all’astragalo oracola l’aseità scevra

*

André Che Isse

I 4 CANOPI TRASCENDENTALI PER L’ETERNO RITORNO DI ZARATHUSTRA

André Che Isse

I 4 CANOPI TRASCENDENTALI PER L’ETERNO RITORNO DI ZARATHUSTRA:

I. il canopo del cuore

II. il canopo del cogito

III. il canopo dell’alma

IV. il canopo di voluttà

209,5 x 264 cm

(209,5 x 66 ciascheduno)

tempera da muro,ruggine,vernice lucida finale,matita

corda cucita su misto cotone

OPERA RETROILLUMINATA

novembre 2021